a

Request an Appointment

Please fill out the contact form and our operator will contact you to schedule an appointment.

L’alimentazione durante il ciclo mestruale

donna-mal-di-pancia

L’alimentazione durante il ciclo mestruale gioca un ruolo fondamentale.

I sintomi che caratterizzano le mestruazioni possono essere gestiti al meglio con una alimentazione mirata.

Ogni donna, in età fertile, per 4-5 giorni al mese deve fare i conti con dolori, a volte lancinanti, al basso ventre, senso di disagio, perdite e mal di testa.

Dati ministeriali ci dicono che l’80% delle donne soffrono di disturbi mestruali.

Proverò a darti qualche consiglio.

Dolori al basso ventre, come sconfiggerli

Il basso ventre, a causa del particolare periodo, durante il mestruo si contrae . Questo fenomeno è mediato da agenti pro-infiammatori, come le prostaglandine, i cui livelli in questi giorni sono particolarmente alti.

Il primo consiglio che posso darti è di evitare in questi giorni un’alimentazione troppo fibrosa, ecco perché :

in questa fase dobbiamo evitare gli alimenti che fermentano a livello intestinale e contrastare il gonfiore, evitando di aggiungere al dolore del basso ventre anche quello da coliche.

Agire sul gonfiore e sul mio-rilassamento è la parola d’ordine per questa fase. Cibi diuretici come il finocchio o antispastici naturali come il basilico sono nostri alleati.

Le zucchine, ricche di Potassio e Magnesio, aiutano a contrastare i crampi e i dolori muscolari che in questi giorni possono coinvolgere anche altri apparati muscolari, come quello delle gambe. Da evitare, invece, è un elevato apporto di Sodio. Esso, infatti, agisce sul tono nervoso, aumentandolo.

Come gestire la presenza di Tachicardia

Durante il ciclo, gli squilibri del Calcio, potrebbero portare ad uno stato di alterato battito cardiaco.

Risalire alla fonte e modulare l’apporto di questo prezioso minerale risulta una strategia vincente.

Sicuramente, troviamo una buona quantità di Calcio nei latticini come nello yogurt o nel parmigiano. Ma anche, per chi è intollerante al lattosio, in altri alimenti.

Per esempio abbiamo una buona quota di calcio nei pinoli, nelle prugne secche, nelle mandorle e in alcuni pesci come il salmone.

Ciclo abbondante e Anemia

Per chi è soggetto a grosse perdite e quindi, di conseguenza, anche alla perdita di Ferro, il Ciclo Mestruale può causare uno stato di Anemia.

Il modo migliore per ottemperare a questo stato è fare riferimento a fonti animali di Ferro. Il Ferro “eme”, infatti, ha una maggiore biodisponibilità rispetto a quello “non eme”, ossia quello che troviamo nei vegetali.

Una porzione di manzo o di tacchino è sicuramente molto indicata.

Anche nel pesce possiamo trovare una discreta quantità di Ferro, così come nel tuorlo d’uovo.

Per chi adotta regimi alimentari diversi, come quello Vegano, niente paura.

Possiamo trovare una buona quota di Ferro anche in alimenti di origine vegetale. Ad esempio, ne troviamo una buona quantità nella cicoria e nel radicchio.

Per aumentare la biodisponibilità di questo prezioso alimento è utile abbinarlo ad una fonte di Vitamina C come potrebbe essere un’arancia o una melagrana.

Per completare un pasto a prova di flusso, possiamo aggiungere una verdura ricca di Vitamina K, per favorire la coagulazione e rallentare le perdite.

Spinaci, lattuga e carciofi fanno al caso nostro.

E se il ciclo tarda a partire ?

In questo caso, probabilmente, aumentare la fluidità del sangue potrebbe aiutare.

Bere di più e consumare tanta frutta che, grazie al glucosio, aumenta la fluidità ematica diventa fondamentale.

Melone, ciliegie, ananas, arance contengono elementi simili a quelli dell’Aspirina. Agiscono direttamente sulla fluidità essendo degli anticoagulanti naturali.

Un buon introito di Iodio può essere molto utile. Esso, infatti, accelera i processi dell’organismo.

Curcuma, prezzemolo e salvia, contenenti Salicilati, contribuiscono sensibilmente alla fluidificazione del sangue.

Depressione pre-ciclo

Gli alti livelli di Progesterone, durante questo periodo, possono avere un effetto negativo sulla mente.

In questa fase, bisognerebbe evitare l’assunzione di zuccheri semplici. In un primo momento, dolciumi e leccornie varie potrebbero appagare, ma l’omeostasi del glucosio, modificata dal picco insulinico che ne deriverebbe, potrebbe portare a conseguenze negative.

Dunque, per contrastare la voglia di dolce, andrebbe bene un pò di cioccolata. Importante è assicurarsi che sia extrafondente (quindi a basso contenuto di zuccheri).

In questa fase i grassi sono da preferire agli zuccheri.

Di conseguenza andrebbe meglio fare uno spuntino con cibi come olive e pinoli o frutta secca.

E per il mal di testa?

Durante il Ciclo Mestruale si possono avvertire dei forti mal di testa.

La causa, spesso, è diametralmente opposta. Questi mal di testa, frequentemente, sono dovuti ad un sovraccarico del Fegato.

Già dal pre-mestruo, è importante sostenere l’attività epatica. L’alimentazione durante il ciclo mestruale deve comprendere l’introito di verdure amare e zenzero.

Le pesche bianche, in questo caso, hanno un doppio effetto, depurando Fegato e Rene.

L’azione drenante e diuretica di questa varietà risulta strategica in questa fase.

Conclusioni

In questo breve articolo ho cercato di essere il più sintetico possibile.

Resta il dato di fatto che l’alimentazione durante il ciclo mestruale gioca un ruolo fondamentale.

Fare attenzione alle scelte alimentari potrebbe essere una mossa vincente per venire a capo di questa condizione fisiologica.

177 thoughts on “L’alimentazione durante il ciclo mestruale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *